Spesso per chi si avvicina al mondo della birrificazione fatta in casa diventa indispensabile l’acquisto di un kit di attrezzi . Sul mercato esistono diverse composizioni che si differenziano per numero di attrezzi forniti e per le loro caratteristiche. Vediamo in dettaglio tutti i componenti che possono essere inseriti all’interno del kit, in modo da avere le idee più chiare per l’acquisto di un prodotto adatto alle proprie esigenze

Recipienti :

L’ elemento principale del kit e ‘ sicuramente il recipiente , nella maggior dei kit viene fornito con una capienza di 32 litri e realizzato in plastica per utilizzo alimentare . Il recipiente e’ dotato di un rubinetto in plastica fornito con guarnizione , il suo coperchio contiene un foro dove si inserisce il gorgoliatore anche esso presente nella dotazione . Alcuni kit forniscono un secondo contenitore gemello che e’ necessario in fase di travaso dopo la prima fermentazione (processo a due fasi). Il travaso viene eseguito in modo da chiarificare la birra prodotta prima dell’ imbottigliatura finale in modo da separarla dai sedimenti prodotti dal lievito che rimangono nel fondo del primo recipiente . I recipienti posso avere diversa capienza e’ vanno scelti in basa alla quantità di birra che si vuole produrre. Oltre al materiale plastico , sono realizzati in acciaio inox . Il costo di questo contenitore ovviamente e’ notevolmente superiore , viene fornito con un rubinetto anch’esso in inox ed il sicuro vantaggio e’ la resistenza nel tempo . In dotazione viene quasi sempre fornito un termometro a cristalli liquidi adesivo da attaccare al recipiente in modo da avere il controllo della temperatura del mostro contenuto al suo interno. E’ possibile reperire nei vari negozi specializzati dei termometri digitali per uso alimentare , molto più precisi ed utilissimi nelle varie fasi della preparazione per in controllo della temperature.

Gorgogliatore:

Sul coperchio dei recipienti come abbiamo detto , viene inserito Il gorgogliatore. E’ un elemento spesso realizzato in plastica ma reperibile anche in vetro , consiste in un tubo sifonico dove al suo interno viene inserita dell’acqua sanificata . La sua funzione e’ quella di far espellere l’ anidride carbonica prodotta dalla fermentazione . Oltre a mantenere costante la pressione all’interno del recipiente grazie all’espulsione del co2 , evita l’ingresso d’aria che portando ossigeno danneggerebbe il processo di fermentazione dei lieviti. Quando la fermentazione ha inizio e’ visibile un movimento dell’acqua contenuta nel gorgogliatore che durerà qualche giorno , quando l’ acqua tornerà stabile significa che la fermentazione volge al termine.

Densimetro :

Il densimetro e’ uno strumento che serve a misurare la densità dello zucchero contenuto all’interno del mosto, come risaputo i batteri del lievito trasformano gli zuccheri in alcol rilasciando anidride carbonica . Quindi quando lo zucchero viene trasformato in alcol  (circa il 60-75 % dello zucchero contenuto si trasforma in alcol ) , la densità del mosto scende. Per leggere la densità si riempie il cilindro che dovrà contenere il campione per 3/4 e si immerge il densimetro,  il valore risultante è delineato dalla linea sulla superficie . Per ricavare l’indice alcolico e’ necessario rilevare il valore di gravità del mosto prima dell’inizio della fermentazione (original gravity OG) e quello a fermentazione completata ( final gravity FG) ed applicare la formula : OG-FG / 7,5 = % Alcool .  Il densimetro può essere  sostituito con il rifrattometro, strumento che generalmente non viene mai inserito nei kit per produzione da malto preparato.

Attrezzi vari:

gli strumenti da tenere a portata di mano sono:

  • Caraffa da 5 litri in plastica ad uso alimentare
  • Un Mestolo ed un Cucchiaio in plastica o acciaio inox da almeno 60 cm di lunghezza
  • Tubo per travaso ad uso alimentare
  • Asta per riempimento, che e’ costituita da un tubo rigido in plastica dotato di valvola che si apre appoggiando l’asta sul fondo della bottiglia , in questo modo si potranno riempire le bottiglie senza creare schiuma per poi procedere all’eventuale priming ed imbottigliamento ( aggiunta di zuccheri in bottiglia per l’ultima fermentazione o carbonizzazione )

Lavaggio e Sanificazione :

La sanificazione di tutti gli elementi utili al processo produttivo della birra e’ indispensabile,  infatti basta una qualsiasi infezione batterica o virus per far si che non si attivi il processo di fermentazione . Per questo motivo all’interno di ogni kit viene inserito un prodotto per effettuare il lavaggio e la sanificazione di tutti gli strumenti ( nella maggior parte dei casi del Meta bisolfito di potassio ). Vengono aggiunti anche degli attrezzi utili al lavaggio delle bottiglie , generalmente un avvinatore che e’ uno strumento che serve ad iniettare dell’acqua contenente sanificante all’interno delle bottiglie , un lavabottiglie a scovolino per pulire in profondità ed in ultimo, generalmente non fornito nei kit ma strumento molto utile , uno scolabottiglie dove riporre ad asciugare le bottiglie dopo il lavaggio .

 

Camere di fermentazioni

In ultimo bisogna considerare anche che i mosti devono fermentare in ambienti a temperatura di circa 22 gradi per le fermentazioni con lieviti considerati ad alta fermentazione ed a circa 8 gradi per i lieviti considerati a bassa fermentazione. Pertanto  sarebbe consigliato realizzare delle camere isolate termicamente ( alcuni utilizzano vecchi frigoriferi o congelatori ), dove riporre i mosti per mantenere costante la temperature durante il processo di fermentazione.

Spesso per controllare le temperature nella camera di fermentazione si usano dei termostati abbinati a dei circuiti di riscaldamento e raffreddamento . Tra i termostati , uno dei piu’ diffusi e’ sicuramente il modello STC-1000 .Questo termostato elettronico rileva la temperatura tramite una sonda esterna , puo’ azionare tramite i suoi rele’ dispositivi di riscaldameto o raffreddamento , in modo tale da mantenere costante la temperatura all’interno della camera di fermentazione.

Concluso il  vostro processo di dotazione degli appositi strumenti , potete procedere alla produzione , buona birrificazione a tutti voi !

 

 

 


Antonio

Sono un imprenditore con la passione della tecnologia e della buona cucina .

0 commenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.